Copyright © Simone Lunardi
logo

Tag : fotografia

19 Nov 2015

Virgole

Virgole: così importanti nella costruzione di un discorso, così sottovalutate in quest’epoca di social networks e messaggi brevi. Se sto bene con te mi sento meglio. Aspetta, cosa vuoi dire? Se sto bene, con te mi sento meglio. Se sto bene con te, mi sento meglio. Una virgola può cambiare il discorso, e non di poco. Anche in fotografia: del resto, nell’etimologia del termine si rimanda all’atto di scrivere. Di fatto, c’è tutta una grammatica da padroneggiare, per fare fotografia ai livelli […]

21 Ott 2015

Me and Steve

Simone Lunardi, ragazzi. Mica pizza e fichi. Ah, si, e Mr. Steve Mc Curry. Ebbene si, non è un fotomontaggio, ho davvero incontrato e passato due giorni assieme a Steve Mc Curry. E’ vero! Evento più unico che raro, è stato invitato per un campus fotografico in cui figuravo tra gli organizzatori (o meglio, galoppini): qui, in Sardegna, a Platamona. E ci è venuto! Do per scontato che qualsiasi fotografo lo conosca. Per gli altri, lui è l’autore dell’immagine della […]

17 Ott 2015

Equipment. Gear. Expensive stuff.

Ne abbiamo davvero bisogno? Questa domanda è tutto quello che serve, di questo post. Nasce ovviamente dalla constatazione che moltissima gente è continuamente affascinata dal miraggio incarnato dai più recenti modelli di corpi macchina – obiettivi – accessori (e quant’altro); bene o male, ne siamo tutti presi, ma forse qualcuno ne è meno consapevole. I professionisti, si sa, devono lavorare al meglio: per loro un corpo macchina tropicalizzato è decisamente utile, magari Full Frame, che renda bene ad alti ISO, […]

17 Ott 2015

Primo post!

O anche Me, myself and hay! Primo post. Primo blog. Prima tentazione di lasciar perdere tutto. Sta storia del blog, intendo. Chi mi conosce lo sa: sono uno di poche, pochissime parole. Non c’è nessun male a star zitti se non si ha niente da dire, e spesso trovo proprio di non reputare importante quel che mi passa in testa. Eppure un blog è condivisione, è racconto, è spunto: perché uno come me, che parla poco, che preferisce raccontare per […]